PostMortem

Sono morto un attimo fa. Ancora non ci credo. Dai, cazzo! Non è possibile! Eppure …
Eppure sono qui, sospeso a mezz’aria, e vedo il mio corpo a terra, inerte. Ergo: sono morto!
Non me l’aspettavo. No, non ero pronto. Tuttavia avrei dovuto saperlo.
Già: quel tizio me lo aveva predetto! E io, cretino, a non dargli ascolto! Ma tant’è, ormai è fatta. Sono qui, il mio cadavere giace scompostamente a terra in un lago di sangue, ed io ormai non posso farci più niente. Niente.
Ma andiamo con ordine: io sono … o meglio, ero un fattorino, lavoravo presso un piccolo corriere espresso e consegnavo buste e pacchetti. La mia vita lavorativa si divideva tra il mio furgone e una miriade di uffici e appartamenti.
Uscivo di casa, andavo in magazzino, caricavo la merce e poi via, tutto il giorno in giro senza mai fermarmi, a pranzo sgranocchiavo velocemente qualcosa mentre guidavo, non potevo concedermi soste. Consegne veloci, entro la giornata. Nessun ritardo, nessun tipo di imprevisto poteva essere tollerato, tranne forse la neve.
Un giorno, verso l’ora di pranzo, mi si avvicinò un barbone. Aveva fame, mi chiese dei soldi per mangiare.
Si vedeva chiaramente che aveva davvero bisogno di aiuto, e provai compassione per quell’uomo vestito di stracci.
Lo portai con me ad una tavola calda, quel giorno feci uno sgarro alla regola, gli offrii da mangiare e pagai in anticipo per lui anche la cena di quella sera.
Ricordo che era estate, una giornata afosa di luglio, solo le cicale avevano il coraggio di farsi sentire.
Quell’uomo, un tipo strano, allampanato, sulla cinquantina, improvvisamente mi predisse come sarei morto. Mi riferì anche il giorno e il luogo preciso.
Bel modo di ringraziare. O almeno così ricordo di aver pensato, ma non diedi peso alla cosa, io non credevo in nessun modo che esistesse, per ognuno, un destino già deciso alla nascita.
Lo salutai con una stretta di mano, un gesto umano ad una persona che aveva perduto ogni cosa tranne la dignità, e me ne andai per la mia strada.
Continuai a vivere come niente fosse, avevo la mia famiglia, i miei amici, un lavoro … insomma, quello che hanno quasi tutte le persone comuni. Dimenticai quel monito e continuai a consegnare pacchetti e buste come avevo sempre fatto, continuai a salire e scendere i numerosi piani dei grandi edifici commerciali e dei condomini.
Continuai ad usare indifferentemente gli ascensori, anche se quel senzatetto mi aveva predetto che sarei morto a causa di uno di quegli affari.
Che sciocchezza! Come si può credere ad una scemenza del genere? “L’ascensore che aspetterai arriverà in ritardo”, disse, ”e tu morirai di colpo”. Impossibile. Per quanto vecchio e lento, un ascensore non può arrivare in ritardo! L’ascensore arriva e basta! No, la cosa non aveva alcun senso.
Eppure è successo. Oggi, pochi istanti fa. Ho consegnato un pesante scatolone al quarto piano di un condominio, ho ripercorso il corridoio nel senso opposto e ho premuto il pulsante. Le porte si sono aperte all’istante; erano passati solo pochi minuti da quando ero sceso dall’ascensore, e probabilmente era rimasto lì, quindi feci un passo avanti mentre ancora stavo controllando il documento di avvenuta consegna.
Un passo che mi sorprese: il piede non calpestò il pavimento della cabina, bensì il nulla.
Per un banale guasto, il vano dell’ascensore era rimasto bloccato due piani più in alto, così mi ritrovai a cadere nel vuoto, trascinato dal mio stesso peso, per un tempo che mi parve interminabile. Mi pervase una sensazione come di curiosità, non ebbi il tempo di provare paura. Semplicemente, mi chiesi cosa diavolo stesse succedendo.
Non mi passò davanti agli occhi la vita, come si suol dire. L’unica cosa che pensai fu “che idiota!”, mentre vedevo il pavimento venire verso di me a forte velocità.
L’impatto non l’ho percepito, penso di essere svenuto prima di raggiungere il fondo. In ogni caso, credo di essere morto sul colpo. Beh … almeno non ho provato dolore.
Ed ora sono condannato a rimanere qui, a infestare questo luogo. Resterò in questo vano, costretto ad una non-esistenza verticale, fino a quando questo palazzo resterà in piedi. Le regole dell’aldilà sono ben chiare:
non devo fare altro che scegliere se essere un fantasma bonario o essere un maledetto bastardo.
Il foglio che ho in mano dichiara esplicitamente che devo fare questa scelta. Il documento di consegna si è trasformato in una specie di contratto di morte: niente paradiso né inferno, ma solo una banale esistenza metafisica. Sarò solo una specie di “anima”, un’entità spirituale che continua a vivere anche senza il corpo.
Nessuna luce alla fine del tunnel, nessun tipo di calore o affetto. Solo un contratto, una specie di lavoro a tempo indeterminato, una lista di regole ed una decisione da prendere entro mille anni dalla data della morte.
Ma io ho già deciso, so già cosa fare. Non passerò l’eternità qui dentro, questo l’ho capito, ma una cosa è certa: in questo momento, qui dentro non c’è nessuno. Di conseguenza, ogni tanto qualcuno non troverà l’ascensore, credo che avrò bisogno di un po’ di compagnia: questo palazzo non crollerà tanto presto.
La fermata del quarto piano sarà maledetta. Lo stabile, il mio stabile, è quel grande palazzo color cartone di via Solferini, ala C.
Non premete quel bottone, non usate quell’ascensore. Fate le scale, oppure prendetelo un piano più sotto. Sempre che non abbiate voglia di fare la mia conoscenza.

Annunci
Categorie: Racconti già scritti | Tag: | 5 commenti

Navigazione articolo

5 pensieri su “PostMortem

  1. Complimenti! Migliaia di volte ho pensato e ripensato ad un qualcosa di simile ma non ho mai provato l’ebbrezza di buttar giù qualcosa…mi piacerebbe capire cosa si cela dietro queste belle parole.

    • Grazie!
      Cosa si cela dietro tutto ciò? Nulla di che, solo il tema di un concorso al quale ho partecipato, tema “l’ascensore”. Volevo buttar giù qualcosa che non fosse “la solita minestra”, e questo è ciò che è uscito dal mio rimestar l’idee.

      • Direi che da un tema che a prima vista può sembrar banale è venuto fuori un qualcosa di talmente profondo da racchiudere in sè temi infiniti. Complimenti, la mia lettura, a prima vista, era stata decisamente più filosofica. Ogni tanto dimentico che il quotidiano cela sempre una dimensione ben più profonda. Se solo riuscissimo a congelare di tanto in tanto la realtà.

  2. pasric

    un gran bel racconto, grazie per averlo condiviso! 🙂 visto il tema e lo stile, potrebbero interessarti i nostri lavori, fai un salto da noi se hai voglia, ci piacerebbe avere un tuo parere 🙂 a presto, e complimenti ancora!

  3. Pingback: Hellevator | mister No

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: