Il castello di Otranto (*****)

di Horace Walpole

Image and video hosting by TinyPic
255 pagine (la metà in inglese)
editore: Mondadori
Iniziato il: 21/11/214
Finito il: 4/12/2014

Bentrovati, cari lettori!

Anche questa è una recensione veloce, fatta al volo.
In questo periodo sono un po’ preso, ma il tempo per leggere lo si deve trovare sempre, quindi eccomi qui a parlarvi del romanzo che ha aperto la strada al Gotico.

Perché è una storia di fantasmi! Inizia con una disgrazia, cioè che il figlio del signore di Otranto viene schiacciato da un elmo gigantesco caduto dal cielo.
Scopriremo che il Signore di Otranto, tale Manfredi, è una persona cattiva dentro, che non rispetta i famigliari, e per questo è stato punito dal Cielo.

Comunque, lui non vuol vedere l’eccezionalità della cosa, e continuerà a comportarsi come al solito. Anzi, peggio.
Fino a quando non gli si presenta un cavaliere, signore di Vicenza venuto a rivendicare la proprietà di Otranto, che porta con sé una spada gigantesca, così grande che servono molti uomini per trasportarla.

A cosa serva quella spada lo si capirà alla fine, e in ogni caso è legata all’elmo. Ah, già, e anche alla gigantesca presenza che si aggira fra le mura del castello terrorizzandone la servitù.

E’ una storia di donne devote, principi maligni e cavalieri senza macchia, ricca di colpi di scena, specie alla fine.

Si legge velocemente, e si centellina. Perché sembra lunga, in realtà è un racconto di un centinaio di pagine. E, se ve lo state chiedendo, no: non ho letto la parte in inglese. Perché questa edizione è in inglese con traduzione a fronte.
E si centellina perché è una storia bella, di quelle che dispiace finire.

E poi basta. Lo so, è una recensione breve, e questo racconto meriterebbe una recensione un po’ più approfondita perché di cose da dire ce ne sarebbero tante, ma il tempo a mia disposizione è poco.

A presto, cari lettori. Il prossimo libro non verrà recensito, temo che questa sia l’ultima del 2014.
Alla prossima!

Annunci
Categorie: Piccola Biblioteca Usata | Tag: , , | 2 commenti

Navigazione articolo

2 pensieri su “Il castello di Otranto (*****)

  1. Davvero bello, per me un cult.
    Già poi l’ambientazione italianoide lo rende ancora più figo (esattamente come alcuni scritti di Poe con elementi italiani), è capace di stupire sempre 🙂

    Moz-

  2. Un libro che ho amato molto e riletto più volte!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: