Archivi del mese: febbraio 2015

#Ioleggoperché

ioleggoperche

Cari lettori, care lettrici, in questo articolo non vi parlerò di un libro, non vi racconterò una storia, e non vi proporrò nemmeno di partecipare a qualcosa in cui potreste vincere un mio libro usato.
In questo articolo voglio parlarvi di una bellissima iniziativa dell’AIE, Associazione Italiana Editori, che mira a coinvolgere i lettori per regalare libri ai non lettori.

Regalare libri, si. Ma non abbiate timore, non dovete tirare fuori un centesimo. Quello che dovete fare è armarvi di coraggio, ironia e voglia di coinvolgere chiunque vi capiti a tiro per fare grande questo evento.

Allora, per prima cosa dovete iscrivervi e diventare messaggeri. (si, io l’ho fatto e ne sono orgoglioso.)
Dovete poi trovare una libreria vicino a voi (c’è l’elenco comodo) per prenotare il kit di ventiquattro (24!) libri da regalare ai non lettori.

Infine, il 23 aprile, giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, distribuirli. Ad amici e parenti che non leggono, certo, ma il bello è anche ritrovarsi in piazza assieme ad altri messaggeri, o sui treni (c’è una convenzione con Trenitalia), per consegnare libri a perfetti sconosciuti.

Il perché è presto detto: sul sito ci sono statistiche, in mezzo alle altre cose, e una di queste dice che il 41,4% degli italiani legge almeno un libro l’anno. Cioè da un libro in su. A voi le conclusioni.

E poi, una piccola sorpresa da parte mia, perché le cose belle possono sempre essere abbellite ulteriormente:
chi legge sa che è fastidioso fare le orecchie ai libri, e ciò capita a tutti quelli che, come me, sono distratti e perdono un segnalibro al giorno, o anche di più.
Proprio per questo ho pensato di coinvolgere una persona che ho conosciuto in rete, un’amica che per ora è virtuale, che è illustratrice, e che è Marianna Balducci, che mi concede di usare un’immagine ad hoc che verrà leggermente modificata per l’occasione, ma sarà fondamentalmente questa:

Grazie a Marianna Balducci.

Grazie a Marianna Balducci.

Lo so, lo so. Ho scritto “che” almeno mille volte, ma volevo essere ridondante, ok?
Bene, cari lettori, prima di salutarvi e lasciarvi andare a spulciare il sito dell’iniziativa, che vi riporto qui sotto così chi è pigro non deve tornare su, vi invito a non fare commenti sul fatto che la AIE lo fa per i soldi, perché, se anche fosse, non me ne frega una beata mazza. A me piace leggere, e voglio che anche altri imparino ad apprezzare il piacere di aprire una porta su un mondo parallelo.

A presto, cari lettori. E se vi piace leggere, siate messaggeri!
… Ah, già: il banner! 😀

ioleggoperche

Categorie: Varie ed Eventuali | Tag: , , , , , | 2 commenti

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: