La Strana Biblioteca (****)

di Haruki Murakami

Image and video hosting by TinyPic

edizione: Einaudi
75 pagine
iniziato il: 13/02/2016
finito il: 14/02/2016

Bentrovat* car* lett*i! (politically uncorrect, per non star lì a scrivere lettori, lettrici, differenziare i generi. Oggi mi gira così.)
Credo che, dopo un anno poco prolifico, stia tornando a riempire questi spazi.
E ciò è un bene. Almeno, lo è per me.

Mia moglie è passata in biblioteca, qualche giorno fa, e si è portata a casa i soliti 3 romanzi. Lei legge molto più di me, tanto che potrebbe aiutarmi ad arricchire queste pagine con quello che non leggo io, perché amiamo generi differenti, solo che non ne ha voglia.
Dicevo, viene a casa con tre romanzi e, come raramente accade, uno di quelli mi incuriosisce. Ecco quindi che glielo rubo e in due giorni me lo leggo, e insomma, sono qui a parlarne.

“Ma che cos’è la strana biblioteca?”, vi starete chiedendo.

Ebbene, la strana biblioteca è un raccontino di meno di 73 pagine. Meno, perché la metà circa è fatta di disegni. Schizzi, invero, ma ciò che importa è che solo la metà delle pagine è scritta.

Image and video hosting by TinyPic

Ecco, roba del genere, ma meno comprensibile.
Parla di un ragazzo che viene imprigionato nei labirintici sotterranei della biblioteca del paese. Tutte le biblioteche sono così, gli dicono.
Deve imparare a memoria tre grossi volumi di diritto tributario nell’impero Ottomano. Se vi chiedete il perché, è presto detto: uno strano bibliotecario che vive nel sotterraneo deve succhiargli il cervello, e gli piace che sia morbido. Un cervello è morbido se contiene nozioni, da qui il motivo di imparare a memoria i tre tomi di cui sopra.

E non vi racconto altro, che il racconto è breve e si legge in un’ora. E ho iniziato e finito in due giorni diversi perché l’ho letto a cavallo della mezzanotte, e aNobii considera due giorni.
Si, ok, il vecchio aNobii, perché il nuovo prevede di poter inserire date a caso, ma sorvoliamo.

Vi dirò invece che il libro si divora per via del ritmo incalzante, di quell’atmosfera onirica, una rara abilità di incantare il lettore.

Ecco, non avevo mai letto Murakami prima di oggi, e sebbene tutti invitino a leggere qualcos’altro prima di questo, io l’ho letto ugualmente per primo.
Perché questo avevo sottomano, questo mi ha incuriosito, e questo ho letto.

Ecco, è tutto. Oggi ho riempito la pagina di chiacchiere, ma devo riprenderci la mano, quindi portate pazienza. Il prossimo invito alla lettura sarà, spero, più articolato.

Alla prossima, cari lettori!

Annunci
Categorie: Piccola Biblioteca Usata, Varie ed Eventuali | Tag: , | 4 commenti

Navigazione articolo

4 pensieri su “La Strana Biblioteca (****)

  1. Ti segnalo questo interessante articolo su Murakami: https://atmospherelibri.wordpress.com/2015/10/12/murakami-haruki-non-ha-vinto-il-nobel-ma-se-lo-merita/. Spero che ti piaccia! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: